5 segreti per una buona SEO

5 segreti per una buona SEO

.

Compriamo quello che vogliamo, ma scegliamo ciò che troviamo.

Questa è una delle regole della SEO moderna.

 

La SEO è quella moderna disciplina che permette di posizionarti in prima pagina nella lista dei risultati sui motori di ricerca. Questo ti aiuta ad essere scelto da chi cerca ciò che fai, aumentando la possibilità di vendere i tuoi prodotti o servizi.

Se fai una buona SEO e curi tutti i dettagli in maniera professionale, i motori di ricerca punteranno un faro su di te e sulla tua azienda, offrendoti la visibilità che meriti. Diversamente, ti auto-limiterai, diminuendo le tue potenzialità fino ad arrivare, ahimè, ad annullarle del tutto.

Ovviamente, tutto questo non basta a far sì che i tuoi potenziali clienti ti scelgano.

Uscire in prima pagina nei risultati “organici” (quelli gratuiti, per intenderci) su Google, ad esempio, non solo ti garantisce un elevato numero di visite per i tuoi prodotti in vendita o per i tuoi servizi, ma ti assicura anche un’ottima reputazione sul web e nel mondo reale.

Se sei in prima pagina per merito, gli utenti ti ritengono credibile ed affidabile e questo aumenterà il tuo fatturato molto più velocemente.

Assodato che tutto ciò è FONDAMENTALE per la tua azienda, ho deciso di svelarti i 5 segreti per fare una buona SEO, cinque trucchetti che ti aiuteranno ad uscire in una migliore posizione nei risultati sui motori di ricerca:

.

1. Assicurati che il tuo sito web sia ottimizzato per i dispositivi MOBILI e venga facilmente e perfettamente visualizzato su qualsiasi dispositivo.

Le statistiche dicono che più del 50% degli utenti della rete oggi si connette ad internet da un dispositivo mobile. (dai un’occhiata più approfondita anche a questo mio articolo)

.

2. Aggiungi al tuo sito web i dati di UBICAZIONE della tua attività, in particolare Nome, Indirizzo e Numero di telefono.

Questo ti aiuterà ad uscire nei risultati dei potenziali clienti più vicini alla tua attività, grazie alla geolocalizzazione.

Immagina un turista che si trova nella tua città, proprio nei pressi della tua attività, e che sta facendo una ricerca su Google proprio di un’azienda come la tua dal proprio smartphone. Se avrai seguito il mio consiglio, stai sicuro il motore di ricerca ti farà uscirà tra i primi.

.

3. Inserisci costantemente CONTENUTI DI VALORE, che siano rilevanti per il tuo pubblico potenziale e possano attirare nuovi clienti sulle pagine del tuo sito web attraverso i motori di ricerca.

“CONTENT IS THE KING”

Sappi che la maggior parte degli utenti della rete fa una ricerca su Google per risolvere un problema, acquistare dei prodotti o cercare informazioni che non conosce.

I contenuti che inserirai nel tuo sito web hanno proprio questa funzione, ovvero quella di soddisfare il bisogno di cui sopra, e riuscirai nell’intento solo se saranno di valore. Dedica del tempo a produrre materiale professionale, che siano testi, video o foto che raccontino la tua storia o che descrivano al meglio i tuoi prodotti.

La “chiave” per sfruttare al meglio i risultati “organici” nelle query di ricerca è proprio quella di scrivere contenuti pertinenti a quella che è la tua attività.

.

4. Inserisci quante più PAROLE CHIAVE PERTINENTI (ovvero quelle parole che descrivono in maniera dettagliata ciò che fai ed il settore in cui operi) all’interno del codice del tuo sito web (o del plug in dedicato, se utilizzi un cms come ad esempio WordPress).

Inserire “Ristorante a Milano” non è una parola chiave pertinente se gestisci una Pizzeria, anche se la categoria merceologica può sembrarti la stessa.

Suddividi e inserisci tutte le parole chiave per argomento in ogni pagina o post del blog, in modo che raccontino di cosa parli in quella pagina specifica, aiutando i motori di ricerca a farti trovare dai tuoi potenziali clienti.

.

5. Verifica costantemente la tua PRESENZA nei risultati dei motori di ricerca (fallo aprendo il browser “in incognito”).

Forse ti sembrerà un po’ scontata come cosa, ma preferisco comunque suggerirtela per sicurezza. Apri il browser in navigazione in incognito ed inizia a fare ricerche su Google riguardo le parole chiave che dovrebbero cercare gli utenti per arrivare a te.

Questa piccola abitudine ti aiuterà a monitorare il tuo rendimento sui motori di ricerca e a renderti conto se è o meno il caso di apportare eventuali modifiche alla tua strategia. In altre parole se eri in prima pagina fino a poco tempo fa e oggi sei finito in seconda, dovrai sicuramente darti da fare.

.

Se hai ancora dei dubbi o non sai come mettere in pratica questi consigli che ti ho svelato, ti invito a CONTATTARMI per poterti dare il miglior supporto possibile e trovare il modo di migliorare la visibilità della tua azienda sul web.

.

___

P.S. Se ti va, lasciami pure un commento sull’argomento trattato. I feedback sono sempre molto importanti. Grazie!

Info sull'autore

Marco Barbiero administrator

Marco Barbiero nasce in Puglia, nel sud dell’Italia. Esperto di musica ed amante dei viaggi e della tecnologia, nonchè web-dipendente sin dai primordi del 56k, vive diviso tra Berlino e la sua Lecce. Marco, web designer, digital marketer e social media specialist, è l’anima di WLD.

Commenta