Perchè usare le immagini nella comunicazione moderna? 3 consigli utili per i tuoi post

Perchè usare le immagini nella comunicazione moderna? 3 consigli utili per i tuoi post

 

Perchè utilizzare le immagini nella comunicazione moderna?

3 consigli utili per i tuoi post.

 

Nel 1985 il noto storico austro-inglese Ernst Gombrich scriveva questa frase nel suo famoso libro “L’immagine e l’occhio”:

 

“ Siamo alle soglie di una nuova epoca storica in cui alla parola scritta succederà l’immagine. ”

.

Dire che sia stato un visionario, un premonitore, un precursore è dir poco!

La comunicazione odierna sembra passare sempre più attraverso foto, video e contenuti visuali.

Con l’avvento del digitale e con l’inarrestabile innovazione tecnologica si è verificata una crescita esponenziale della quantità di volti ed immagini che ci appaiono quotidianamente davanti agli occhi.

Basta aprire un qualsiasi social network, Instagram, Facebook o Pinterest, per capire bene di che stiamo parlando.

Si parla sempre di più di visual storytelling, di immagini, di fotografie, di video, di selfie, di stories, ecc.

Del resto, lo dice anche Seth Godin:

 

” Il marketing non si basa più sulle cose che fai, ma sulle storie che racconti. “

.

Oggi le immagini vengono catalogate tramite parole chiave (i famigerati “hashtag” ) e addirittura classificate per colorestile fotografico e tono utilizzato.

Tutto ciò per capire quanto stiano diventando sempre più importanti nel mondo del web e, di conseguenza, anche nel campo della comunicazione e dell’advertising nella “vita reale”.

Tutto è veicolato dalle immagini e dal loro potere persuasivo.

Vivendo in un’epoca in cui siamo letteralmente bombardati h24 da immagini di ogni tipo, per la prima volta nella storia dell’umanità la trasmissione delle informazioni è affidata più all’immagine che alla parola.

Uno dei motivi principali di questa rivoluzione silenziosa è sicuramente l’avvento e la diffusione degli smartphone.

La trasformazione dei vecchi cellulari GSM in dei veri e propri mini computer portatili ha reso ognuno di noi un potenziale fotografo, blogger, giornalista, presentatore, personaggio mediatico.

La crisi della tv è scaturita anche e soprattutto da questo. La “tv” oggi ce l’abbiamo sempre con noi, h24, tra le mani. La tv è il nostro smartphone!

Per questo, è importante comunicare nel giusto modo, se vuoi fare business online.

Ecco i 3 consigli che posso darti su come utilizzare le immagini per i tuoi post e la tua comunicazione:

.

1 – Crea l’immagine giusta, seguendo alcuni criteri

Non prendiamoci in giro, se vuoi avere successo su social media come Instagram o Pinterest, l’immagine che vai a postare dev’essere bella. Non ha senso pubblicare una foto brutta, anzi, può diventare addirittura controproducente.

Oltre a dover scattare una bella foto, esistono una serie di applicazioni per smartphone che possono fare al caso tuo e aiutarti a rendere facilmente una foto più “cool”.
Di seguito te ne consiglio 3:

 

VSCO. La migliore di tutte! La sua miglior qualità è la semplicità di utilizzo e la possibilità di poter sia scegliere dei preset esistenti, che modificare manualmente ogni aspetto dell’immagine.

Editare una foto con VSCO è davvero semplice.

Carica una foto dalla tua galleria e inizia a sperimentare.

Seleziona la foto e poi clicca sul cerchio dorato in basso a destra.

Scegli un preset che ti piace o prova a fare dei test spostandoti sulle impostazioni manuali ed utilizzando i vari Esposizione, Contrasto, Nitidezza, Saturazione, come vedi a destra.

Buon divertimento!

.

SNAPSEED. Anche quest’app è piuttosto semplice ed intuitiva. La sua particolarità è che, oltre ad editare l’immagine con effetti ed impostazioni, potrai anche inserire degli elementi grafici e creare dei veri e propri artwork.


Una volta caricata l’immagine vedrai dei filtri (assomiglia ad Instagram) che puoi scegliere o utilizzare la sezione “strumenti” in basso a destra.

In questo caso ti si aprirà un menù (come vedi nell’immagine a destra) dove troverai una lunga serie di effetti e impostazioni che potrai modificare manualmente ed anche la possibilità di inserire elementi testuali.

E’ leggermente meno intuitiva di VSCO, ma comunque molto divertente.

 

LIGHTROOM. Se hai già una buona dimestichezza col mondo dell’editing fotografico, quest’app è sicuramente la scelta migliore per te.

Ovviamente, è molto più complessa rispetto alle altre, ma sarà una figata quando avrai capito come muoverti nelle impostazioni manuali.

Sconsigliata a chi è alle prime armi.

 

N.B. Anche Instagram, al suo interno, ha un ottimo editor fotografico, che presenta sia una galleria di filtri che la possibilità di settaggi manuali. Da non sottovalutare!

 

2 – Sii originale, coinvolgi emotivamente il tuo pubblico

Per catturare l’attenzione del consumatore, un’immagine pubblicitaria deve dire qualcosa di originale, ma deve anche cercare di trasmettere positività: allegria, spensieratezza, successo, sogno, sentimenti.

Tutto ciò fa sì che il cliente sia ben disposto a immedesimarsi con l’identità del prodotto o dell’azienda.

Qualsiasi cosa vorrai promuovere, se un’azienda, te stesso o entrambe le cose, per avere successo devi riuscire a toccare le corde dell’emozione: immagini che fanno sorridere, realizzate in modo creativo ed originale, conquistano facilmente il pubblico.

 

3 – Storytelling. Racconta le tue immagini.

Da sempre gli uomini si tramandano racconti ed esperienze passate. Per questo motivo, possiamo costruire ottime strategie promozionali attingendo a storie del mondo attorno a noi. Barilla o Mulino Bianco, ad esempio, nelle proprie pubblicità riescono a cogliere questa strategia: attraverso le immagini raccontano una storia, conquistando il pubblico, emozionandolo.

Se vuoi conquistare maggiormente gli utenti che ti seguono, devi raccontare ciò che stai vivendo nel momento in cui fai lo scatto, o ciò che quell’immagine rappresenta per te.

Parla, racconta, spiega. La gente si appassiona alle storie, alle emozioni, alla quotidianità di chi segue.

Le stories di Instagram ne sono una simpatica conferma. La gente, oggi, ha bisogno di immedesimarsi nelle “storie” di qualcun’altro.

Emozionare vuol dire rendere participi, far immedesimare la gente in ciò che fai, raccontandoti, descrivendo aneddoti, emozioni, sensazioni, che accompagnano la foto che hai postato.

Questo mix fa sì che tu abbia più o meno successo sui social.

Seriamente.

Se vuoi saperne di più sui social media e capire meglio come funzionano o consigli su come muoverti dai un’occhiata a questo mio articolo sull’argomento.

 

Se hai bisogno di una mano, o vuoi dei chiarimenti, invece, non esitare a contattarmi o commenta questo post.

 

___

P.S. Se ti va, lasciami pure un commento sull’argomento trattato. I feedback sono sempre molto importanti. Grazie!

Info sull'autore

Marco Barbiero administrator

Sono Marco Barbiero e nasco in Puglia, nel sud dell’Italia. Esperto di musica ed amante dei viaggi e della tecnologia, nonchè web-dipendente sin dai primordi del 56k, dopo alcuni anni a Berlino sono rientrato nella mia bella Lecce. Oggi mi occupo di consulenza web, di ideazione siti, blog ed e-commerce, e collaboro con alcune web agency italiane.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.